Marzo 30 2022
30/03/22

L’Europa e il mondo stanno vivendo un momento critico: ecco il possibile impatto sui programmi assicurativi aziendali

Il conflitto in corso in Ucraina sta inevitabilmente influenzando le dinamiche della gestione del rischio. Partendo da alcune premesse abbiamo preso in esame, necessariamente in sintesi, le assicurazioni sulle quali è necessario in questo momento concentrare l’attenzione per premunirsi adeguatamente.

Premesse

Clausola di esclusione dalla guerra

In presenza di una clausola “rischio guerra”, le compagnie di assicurazione escludono espressamente dalle polizze di risarcimento i danni causati da invasioni, insurrezioni, rivoluzioni, colpi di stato militari e atti terroristici.

Polizze stipulate in Ucraina e in Russia

In Ucraina e in Russia la copertura è fornita da polizze stipulate in loco: entrambi i Paesi hanno scelto di proteggere i propri assicuratori dalla concorrenza straniera. Le polizze sottoscritte in Ucraina escludono la copertura del “rischio guerra”.

Interruzioni e chiusure delle attività

A causa della guerra e della conseguente applicazione delle sanzioni, gli approvvigionamenti di materie prime (e non solo) dall’Ucraina e dalla Russia sono fortemente compromessi. Le aziende sono costrette a rivolgersi ad altri Paesi ed a questo si aggiunge la difficoltà nelle consegne. Da ciò il rischio che le catene di approvvigionamento si interrompano, compromettendo le attività industriali e manifatturiere.

Le assicurazioni da tenere d’occhio con più attenzione

Assicurazione sul trasporto

Le assicurazioni sul trasporto escludono, di norma, i rischi dovuti a guerra, guerra civile o eventi simili a guerre, nonché scioperi, sommosse e confische. Questi sono comunque spesso inclusi tramite clausole aggiuntive, che possono inoltre conferire all’assicuratore il diritto di recesso entro due giorni per permettergli di reagire alla situazione di crisi. La copertura assicurativa per gli altri rischi rimane invariata. I trasporti avviati prima del diritto di recesso rimangono assicurati fino a trasporto ultimato.

Assicurazione sulla proprietà/patrimonio

Nell’assicurazione sulla proprietà si applica integralmente la clausola di esclusione “rischio guerra”, che include strutture immobiliari, beni strumentali e prodotti finiti/semilavorati. Se un’attività produttiva è costretta a fermarsi per cause indirettamente legate a eventi bellici (per esempio interruzione della fornitura di energia elettrica o mancanza di forza lavoro) il caso va analizzato e risolto nello specifico. Le mancate consegne, qualora non siano accertati dei danni alla proprietà, non sono assicurate ed è pertanto importante verificare anche la tipologia dei contratti con Clienti e Fornitori.

Assicurazione Cyber

Già prima che scoppiasse il conflitto gli attacchi informatici a istituzioni pubbliche e private, aziende e infrastrutture abbondavano. Molte compagnie di assicurazione hanno inserito la clausola di esclusione “rischio guerra” nelle loro polizze cyber risk. Nell’attuale scenario bellico i cyber attacchi si sono moltiplicati; le misure di protezione vanno perciò adattate alla situazione e il personale delle aziende ulteriormente sensibilizzato sul tema.

Nuove Assicurazioni

Le compagnie di assicurazione hanno emesso il divieto di sottoscrivere polizze per nuove attività in Ucraina, Russia e Bielorussia; ottenere copertura tramite polizze stipulate in loco non è perciò più possibile. Per le attività in Ucraina si attiva anche la clausola di esclusione “rischio guerra”, che determina la cessazione della copertura assicurativa.

Assicurazione del credito

Le clausole sanzionatorie hanno un notevole impatto sulla sottoscrizione di polizze di assicurazione del credito. Gli assicuratori hanno iniziato a congelare i loro limiti di credito per ridurre il proprio rischio. In riferimento alla guerra e alle clausole sanzionatorie le coperture saranno gradualmente ridotte o, in determinati casi, annullate. Nel caso di contratti in essere è opportuno analizzare ogni singolo caso con l’assicuratore.

Assicurazione D&O

Le situazioni di crisi impongono alle persone e agli organi responsabili all’interno delle società requisiti speciali. Essendo soggetti sottoposti a dovere di diligenza, è opportuno che i medesimi si informino sulle sanzioni attualmente in vigore al fine di garantirne il rispetto e prevenire l’eventuale violazione dello stesso. In caso di violazione intenzionale il diritto alla copertura assicurativa decade.

Assicurazione sulla responsabilità civile

Le polizze di assicurazione sulla responsabilità civile comprendono clausole di esclusione dalla guerra. Eventuali danni attribuibili a eventi bellici non sono quindi assicurati. È opportuno verificare in che termini le eventuali sanzioni possano influire sulla copertura assicurativa.